Confedertecnica: preoccupati per gestione ente Eur a Roma

da Staff comunicazione / 10 aprile 2015 Comunicati
nuvola-centro-congressi

Confedertecnica, che rappresenta i liberi professionisti tecnici, esprime – insieme a Confedertecnica Lazio – profonda preoccupazione sulle molte voci che minacciano di vedere attribuito il patrimonio storico dell’Ente EUR S.p.A., un unicum razionalista per valore e complessità, all’Invimit Sgr S.p.A, con il rischio di vedere trasformato un organismo architettonico di grande valore in un asset da cedere o suddividere a vantaggio di possibili speculazioni.

Confedertecnica ricorda che Investimenti Immobiliari Italiani Sgr S.p.A. (Invimit Sgr) è una società di gestione del risparmio del Ministero dell’Economia e delle Finanze che ha ad oggetto la prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio realizzata attraverso la promozione, l’istituzione, l’organizzazione e la gestione di fondi comuni di investimento immobiliare chiusi, l’amministrazione dei rapporti con i partecipanti, la gestione del patrimonio di fondi comuni di investimento di propria o altrui istituzione e di altri organismi di investimento collettivo, italiani ed esteri, ivi comprese le funzioni di natura amministrativa, nonché la gestione di fondi immobiliari, come si evince dagli stessi documenti depositati della Società. Le sue finalità, pur in un contesto di valorizzazione, sono rivolte ad una ottimizzazione economica che, in futuro, potrebbe anche portare a scelte non in linea con la valorizzazione e la tutela unitaria di un complesso così importante. Con il timore ulteriore, poi, che vi sia anche la necessità di reperire una copertura finanziaria per completare la Nuvola di Fuksas.

Confedertecnica chiede certezze sul destino di un patrimonio di rilevanza internazionale di tale rilievo e invoca una più accorta gestione per garantire sia la realizzazione delle opere più recenti, importanti comunque per il rilancio dell’immagine culturale della nostra città, sia per la tutela e la salvaguardia del patrimonio esistente.