Legge di stabilità 2016, Confedertecnica: “Il nostro impegno ha pesato”

da Staff comunicazione / 12 gennaio 2016 Comunicati
Legge-di-Stabilita-2016-cosa-conterra-370x230

“La legge di Stabilità 2016 contiene una serie di misure per le quali abbiamo lottato, pesando sulle scelte di Governo e Parlamento”, dichiara il Presidente di Confedertecnica, Calogero Lo Castro. “La manovra contiene provvedimenti importanti per i professionisti tecnici, e anche se la nostra vigilanza sul loro seguito e la loro applicazione sarà costante, sarebbe ingeneroso non riconoscere i passi avanti compiuti”, prosegue Lo Castro.

L’accesso ai fondi strutturali dell’Unione Europea è una grande vittoria di tutti i professionisti per la quale Confedertecnica ha speso il più grande impegno e che vogliamo ricordare come esito non scontato di una grande battaglia”.

“L’ampliamento della quota di ammortamento per gli investimenti dei professionisti in beni strumentali è un altro risultato da non sottovalutare. Al comma 46 abbiamo strappato un successo non indifferente, quando la norma approvata dice che il primo anno, imprese e professionisti che acquistano beni strumentali nuovi potranno portare in ammortamento un valore maggiorato del 40%. Nell’agevolazione sono inclusi mobili, computer, macchine da cantiere e auto aziendali”, rende noto il Presidente di Confedertecnica.

“E’ importante anche la conferma della detrazione fiscale del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica e l’adeguamento sismico degli edifici, con la novità che quest’anno l’agevolazione viene estesa anche per l’installazione di impianti domotici”, prosegue Lo Castro. Che aggiunge: “Non è di minor conto la detrazione fiscale del 50% sugli interventi di manutenzione edilizia, con un tetto massimo di spesa di 96.000 euro ad immobile e dieci rate annuali per il rimborso”.

“Mentre dobbiamo ricordare che i numeri della crisi che da anni ormai affonda il settore dei professionisti tecnici rimangono allarmanti, siamo quindi soddisfatti per gli esiti positivi di un lavoro che prosegue incessantemente sul fronte della rappresentanza pubblica di tanti professionisti”, conclude Lo Castro.